Stampa

Il patrocinio

Scritto da Santuario. Postato in Generale

Quando Matteo vide per la prima volta il Signore, era intento al suo lavoro di gabelliere.

Seduto nel suo ufficio, chiamato telonio, riceveva i contribuenti, riscuoteva il denaro, rilasciava le ricevute; a volte ascoltava distrattamente le proteste; sempre subiva le occhiate piene di rancore che i suoi connazionali gli riservavano per la sua attività di servitore dell'Impero Romano.

Forse anche Matteo, come molti suoi colleghi, a ciò che i contribuenti dovevano in forza di legge aggiungeva del suo. Forse anche lui godeva nel veder mortificato chi evitava la sua compagnia e, incontrandolo, cambiava marciapiede.

L'invito del Signore gli cambiò la vita. Seguimi, disse Gesù, e da quel momento Matteo fu un altro uomo.

Forse in seguito Matteo non ebbe più a che fare con bollette e ricevute, ma il suo passato di gabelliere gli è tornato addosso con un compito più nobile: quello di essere il protettore dei suoi colleghi gabellieri del nostro tempo e di tutte le persone che col denaro lavorano per il bene di tutti.

Guardie di Finanza, Cassieri di Banca, Ragionieri e Dottori Commercialisti, Doganieri si rifanno a Matteo come alla loro figura di riferimento spirituale.


Breve del Papa Pio XI che proclama S. Matteo patrono della Guardia di Finanza.

A PERPETUA MEMORIA
Il diletto figlio Comandante Generale della R. Guardia di Finanza del Regno d'Italia ebbe cura di esporre a Noi il vivo suo desiderio che - come già ad altri corpi del R. Esercito - fosse concesso uno speciale Patrono celeste anche alla R. Guardia di Finanza, affinché questa più facilmente ottenga il Divino ausilio nell'adempimento dei suoi gravi doveri.
Infatti questi militari, che attendono a salvaguardare gli interessi dell'Erario, spesso, o in luoghi alpestri o lungo le spiagge dei mari, menano vita durissima e piena di pericoli; e, sebbene ad essi non manchino le cure assidue ed amorevoli dei loro Comandanti, hanno tuttavia bisogno in modo particolare del Divino conforto e di protezione celeste.
Volentieri dunque, mossi da paterna carità, abbiamo deliberato di esaudire la domanda del Comandante Generale dei sopra detti militari, domanda raccomandataCi dal Ven. Fratello Nostro Arc.vo tit. di Petra, Ordinario Militare in Italia, affinché anche le sentinelle custodi dei confini d'Italia abbiano un valido intercessore presso Dio. Sentito dunque il parere del Nostro diletto Figlio Cardinale di Santa Romana Chiesa Camillo Laurenti, Protodiacono di S. Maria della Scala, Prefetto della S. Congr. dei Riti, di motu proprio, con sicura conoscenza e dopo matura deliberazione e con la pienezza del Nostro Potere Apostolico, secondo il tenore della presente Lettera, costituiamo e DICHIARIAMO CELESTE PATRONO PRESSO DIO DEL CORPO DEI FINANZIERI ITALIANI L'APOSTOLO ED EVANGESTISTA S. MATTEO che come si legge nel Vangelo, prima di essere chiamato dal Nostro Signore Gesù alla sua Sequela, esercitava le funzioni di pubblico esattore dei redditi dello Stato.
Quanto sopra dichiariamo e stabiliamo, ordinando a chi spetta o potrà spettare che la presente Lettera resti duratura, valida ed efficace ed abbia il suo pieno ed intiero effetto.
Nulla ostando in contrario.
Dato in Roma, presso S. Pietro, sotto l'anello del Pescatore, il giorno10 aprile 1934, decimoterzo del Nostro Pontificato.

Eugenio Card. Pacelli
Roma, 10 aprile 1934


Preghiera delle Guardie di Finanza

Signore Dio che hai voluto distinta in molti popoli la famiglia umana, da Te creata e redenta, guarda benigno a noi, che serviamo in armi l’Italia. Aiutaci o Signore, affinché, forti della Fede in Te, affrontiamo fatiche e pericoli in generosa fraternità di intenti, offrendo alla Patria la nostra pronta obbedienza e il nostro serio sacrificio. Fa che sentiamo ogni giorno,nella voce del Dovere che ci guida, l’eco della Tua voce: fa che le Fiamme Gialle d’Italia siano d’esempio a tutti i cittadini nella fedeltà ai Tuoi comandamenti e alla Tua Chiesa, nella osservanza delle patrie leggi e nella consapevole disciplina verso l’autorità costituita. Accogli nella Tua pace i Caduti di tutte le guerre e dona il premio a coloro che hanno speso la vita nell’adempimento del dovere. E concedi a noi e alle nostre famiglie la Tua benedizione, la protezione di Maria Santissima e del nostro Patrono San Matteo. Amen


P. Mario Villani