Stampa

Accoglienza dei pellegrini

Scritto da Santuario. Postato in Generale

Il convento di S. Matteo, già dal Medioevo, quando era un'abbazia benedettina, era aperto ai pellegrini.

I Frati curano una speciale accoglienza per le comitive organizzate che comprende un intenso momento di preghiera, rapidi appunti sulle vicende storiche che hanno caratterizzato la vita del monastero e una illustrazione artistica dello stesso monastero. Un momento particolare del rito di accoglienza è costituito dalla benedizione dell'olio che viene impartita a tutti i pellegrini.

La benedizione, che una volta era riservata alle persone malate, oggi si dà a tutti. Il pellegrino si sottomette con devozione e umiltà al rito dell'unzione, certo che Dio, per l'intercessione di S. Matteo, può ridarci la serenità dello spirito e la salute del corpo.

Tutti coloro che vengono in pellegrinaggio al nostro Santuario non manchino:

  • di ascoltare la S.Messa ed avvicinarsi ai Santi Sacramenti.
  • di ricevere la benedizione con l'olio benedetto.
  • di acquistare oggetti di devozione; ogni casa abbia un'immagine o un ricordo di San Matteo.
  • di visitare l'artistico presepio, la sala degli ex-voto e la biblioteca.

Il capogruppo compili l'apposita scheda del pellegrinaggio a disposizione presso la Direzione.

Abitualmente i Frati sono disponibili per le confessioni. Se tuttavia l'intero gruppo di pellegrini desidera confessarsi in questo santuario, è bene che il P. Rettore sia avvertito per tempo, in modo da reperire i necessari confessori.

Se qualche comitiva desidera celebrare la Santa Messa, o la Via Crucis, o trascorrere qualche ora in preghiera, il capogruppo prenda i necessari accordi col Rettore del Santuario.

 

Pellegrini abruzzesi a piedi                                                                        Pellegrini molisani