Presentazione

Presentazione

Chi viene per la prima volta a S. Matteo ha l’impressione di tornare indietro nei secoli: il...

La fraternità francescana

La fraternità francescana

I Frati Minori a San Matteo I Frati Minori sono giunti a S. Matteo nel 1578, chiamati dal Papa...

Appunti di storia francescana

Appunti di storia francescana

I Frati di San Matteo fanno parte della Provincia dei Frati Minori di San Michele Arcangelo di...

OFS e GIFRA

OFS e GIFRA

L’Ordine Francescano Secolare comprende tutti quei fedeli cristiani, uomini e donne, che...

Volontari e segreteria

Le attività del Santuario sono svolte con l’aiuto determinante di amici che dedicano una parte...

Accoglienza dei pellegrini

Accoglienza dei pellegrini

Il convento di S. Matteo, già dal Medioevo, quando era un'abbazia benedettina, era aperto ai...

  • Presentazione

  • Mappa

  • Notizie Utili

  • La fraternità francescana

  • Appunti di storia francescana

  • OFS e GIFRA

  • Volontari e segreteria

  • Accoglienza dei pellegrini

Le traslazioni del corpo di San Matteo Apostolo tra storia e leggenda

Uno degli episodi che la storiografia medievale ci ha tramandato, tra la storia e la leggenda, con una ricchezza di particolari e di significati religiosi e politici, è il rinvenimento delle reliquie di san Matteo apostolo ed evangelista, avvenuto nel 954 in una località della Lucania, che i racconti dell’epoca non specificano esattamente, ma che studi posteriori hanno permesso di identificare con l’antica Velia romana (prima deposizione) e nella località “ad duo flumina”, oggi Marina di Casal Velino (seconda deposizione). La traslazione proseguì – dopo una brevissima sosta a Rutino – verso Capaccio (terza deposizione), la sede vescovile che prese il posto dell’antica Paestum abbandonata e, infine, verso Salerno, dove il corpo dell’Apostolo trovò la sua definitiva collocazione nella Cripta del Duomo. Alcune reliquie minori, tuttavia, sono sparpagliate in varie località tra Roma, Benevento e il nostro Santuario sul Gargano.

 Delle traslazioni di San Matteo si conosceva fino alla metà del secolo scorso soltanto quanto raccontava una monografia cinquecentesca composta, sulla base di fonti più antiche, dall’Arcivescovo Marsilio Colonna: De vita et gestis beati Matthaei apostoli et evangelistae eiusque gloriosi corporis in Salernitanam urbem translatione, Napoli 1580. Le critiche formulate al Colonna da vari autori portarono, in tempi a noi più vicini, Nicola Acocella a riesaminare tutta la problematica inerente la questione e ad analizzare tutti i documenti e le testimonianze medievali relative all’avvenimento. L’Acocella ha potuto così ricostruire nel suo saggio La Traslazione di san Matteo. Documenti e testimonianze, Salerno, 1954, tutto il quadro delle vicende relative ai resti mortali dell’evangelista, dimostrando la sostanziale veridicità delle fonti, che furono poi integralmente pubblicate (Giuseppe Talamo-Atenolfi, I Testi Medievali degli Atti di S. Matteo l’Evangelista, 1956) e che risalgono all’anonimo autore del Chronicon Salernitanum della seconda metà del X secolo, un monaco del monastero di San Benedetto di Salerno.